Il prezzo del bitcoin crolla, scendendo sotto i 17.000 $ nel più grande crollo da marzo

All’inizio della settimana, i mercati delle criptovalute erano pieni di ottimismo. Bitcoin era una zona di resistenza lontano dai massimi storici, le altcoin stavano aumentando di tre cifre e l’impennata stava facendo un tuffo sulla homepage del Wall Street Journal.

Con la capitalizzazione di mercato di Bitcoin ai massimi storici, era tempo di festeggiare con una bella cena a base di tacchino e tutti i fiocchi

Sfortunatamente, il Ringraziamento ha lasciato il mondo delle criptovalute con un retrogusto piuttosto amaro.

Il 26 novembre, il prezzo di BTC ha subito una delle maggiori perdite in dollari da marzo. Nel complesso, la criptovaluta più grande del mondo è crollata di oltre il 15%. Sono state attribuite massicce liquidazioni per l’incidente da $ 19.484 a $ 16.334 nello spazio di un giorno.

Come ha osservato l’analista di Cointelegraph Michaël van de Poppe, le correzioni di mercato sono raramente cose eleganti. “Sono spesso verticali e dolorose. Scala su, ascensore giù „, ha scritto .

Tre ragioni per cui i trader ora si aspettano che Bitcoin raggiunga $ 13.000 prima di un nuovo rally
Allora … cosa succede dopo?

Le speranze di raggiungere $ 20.000 a breve termine sono deluse o si trattava di un semplice inconveniente che dovrebbe essere scrollato di dosso?

Beh, dipende molto da chi chiedi. Alcuni trader stanno anticipando un altro forte calo in un futuro non troppo lontano, indicando modelli storici che suggeriscono che BTC potrebbe ricadere nell’intervallo $ 13.800– $ 14.500 .

Un trader pseudonimo noto come „Salsa Tekila“ ha detto che BTC doveva rompere $ 17.500 per rimanere in territorio rialzista, aggiungendo che $ 18.700 è l’unica grande resistenza prima dei massimi storici. Tuttavia, il trader ha avvertito che le cose sembrano ribassiste al di sotto di $ 17.500 … e questo potrebbe portare a un calo nella gamma $ 11.000– $ 13.000 .

Altri, come il fornitore di fondi di criptovaluta Stack Funds, hanno descritto il ritiro come una „sana correzione“ necessaria prima che Bitcoin continui la sua traiettoria al rialzo.

L’azienda ha affermato che BTC è a livelli di ipercomprato da ottobre, il che significa che un po ‚di calore ha un disperato bisogno per lasciare il mercato.

Nel frattempo, il fondatore di Quantum Economics Mati Greenspan ha affermato che la correzione potrebbe aver già toccato il fondo, aggiungendo: „Un ritiro del 17% è piuttosto mansueto per questa fase del ciclo“.